Donna di servizio (e service design)

Donna di servizio (e service design) header image 2

I GoodBox all’italiana: in partenza gli armadietti Locker InPost per la consegna “non a domicilio”

April 22nd, 2014 · No Comments

lockerinpost00

Un attimo dopo il post sul servizio GoodBox ho visto apparire i primi “armadietti” anche a Milano, col nuovo servizio Locker InPost, pensato non tanto per la spesa (non essendo i box refrigerati) ma in generale come luogo di ritiro di acquisti online non deperibili.

InPost, operatore polacco che ha ideato il servizio e creato i locker (già ampiamente diffusi e utilizzati per esempio da Amazon in Usa e Uk), ha siglato un accordo con Banzai Commerce e con TNT Express Italy (partner logistico) per l’avvio in Italia, prevedendo 400 armadietti entro giugno tra Milano, Torino e Roma, per poi aumentare successivamente la capillarità.

I luoghi di diffusione dovrebbero essere quelli di maggiore transito, come supermercati o stazioni, sopperendo al problema della mancanza di qualcuno che possa ritirare un pacco al proprio domicilio.

(Aprendo una parentesi, è molto interessante da progettista studiare come questo problema nello specifico è stato affrontato anche in altri modi, in particolare con il servizio IndaBox, che sfrutta e valorizza strutture già esistenti, ovvero la rete di bar e supermercati sotto casa).

lockerinpost01

Come accennavo, in questo caso i box non sono refrigerati e il processo di servizio, in modo molto simile a GoodBox, prevede che dopo l’acquisto online su un sito convenzionato (al momento ePrice e SaldiPrivati) si scelga il locker più vicino per la consegna e si ricevano un sms e una mail, al momento del recapito, con il codice o qr-code per l’apertura.

Fonti: tnt.it, banzai.it, inpost.pl

Autore: Lidia Tralli, donnadiservizio.com
English version (by Google Translate)

Tags: · , , , , ,