Donna di servizio (e service design)

Donna di servizio (e service design) header image 2

XXII Compasso d’oro: premio speciale per il Design dei Servizi a Slow Food

July 15th, 2011 · No Comments

SlowFoodXXII

La ventiduesima edizione del Compasso d’Oro, che da 3 anni include la categoria service design nella sua selezione, ha istituito per la prima volta un premio speciale per il design dei servizi assegnato a Slow Food per “la capacità di aver creato un processo che integra etica e strategia, premiando il pensiero che guida il movimento, la ricerca della sostenibilità e della qualità della vita”.

Il commento di Slow Food:
I servizi sono interazioni orientate alla produzione collaborativa di valore. In quanto tali, possono essere progettati in modo da favorire il realizzarsi di un contesto relazionale ricco, significativo e prolifico di un più ampio sistema di valori che interessano vari aspetti della società e dell’ambiente. Il Design se ne occupa in quanto disciplina che progetta soluzioni attente alla qualità del coinvolgimento e dell’esperienza di individui e comunità.

I Designer dei Servizi, oggi, sono coloro che, con diversi retroterra culturali e professionali, si occupano di dare una forma significativa e operativa a queste interazioni. Slow Food, con i suoi numerosi progetti, tra cui i Mercati della Terra, i Presìdi, Nutrire Milano e Terra Madre, ha messo a punto un modello di servizio che coniuga le qualità relazionali alle ragioni dei sistemi agricoli sostenibili, realizzando un contesto collaborativo in cui consumatori critici e produttori virtuosi si incontrano in nome della convivialità.

Come già visto in precedenza, l’ADI ha fatto un passo importante nel riconoscimento di questa  disciplina inserendo un’apposita categoria e selezionando progetti di servizio, anche se nessuno di questi è stato premiato con il Compasso d’Oro e la giuria ha preferito inaugurare la novità con un premio speciale. Giudicare un progetto di servizio, che per eccellenza è multidisciplinare e sistemico, richiede sicuramente la messa a punto di parametri di valutazione molto diversi da quelli tradizionali per il prodotto o la comunicazione, per cui credo che l’istituzione di questo premio speciale sia una mossa in questa direzione, in attesa di consolidare una nuova visione del design, che oggi non può prescindere dal progetto dell’esperienza nel suo complesso.

Fonti: slowfood.it, adi-design.org

Autore: Lidia Tralli, donnadiservizio.com

English version (by Google Translate)

Tags: · , , , ,